In Dall'Homo sapiens all'Homo ridens

Tre lustri dopo l’inizio del III millennio dell’era cristiana (forse 13.000 dalla società della Grande Madre) c’è finalmente una grande novità: un movimento di pensiero, che assieme è spirituale e scientifico, politico ed economico, filosofico ed antropologico, inizia a farsi strada proponendo un modello radicalmente diverso dal Paradigma della Valle di Lacrime che siamo costretti a vivere… Una Matrix (Matrignax) che ci lascia poche speranze.

Stiamo andando verso il Paradigma della Gioia?

Le avanguardie scientifiche (ormai da quasi un secolo!) spingono i loro studi nella direzione di una nuova fisica, la quantistica, in grado di interpretare in modo completamente diverso la Realtà.

Le neuroscienze vanno a concordare con questo modello olografico ed esso non è lontano dalla spiritualità orientale e dal senso della vita e della Natura che i Nativi non hanno mai smesso di propugnare.

Non c’è più destino alla separazione tra le “cose”,  ma lavoro all’unificazione: una spinta alla considerazione dell’arbitrarietà della dominanza culturale del pensiero occidentale.

Questo è basato principalmente su quattro pensatori/scienziati: Cartesio, Galileo Galilei, Isaac Newton, Charles Darwin: CaGaNeDa: useremo – rispettosamente – questo acronimo, vagamente scatologico ed un poco irriverente. Perché?

Perché le convinzioni di questi quattro grandi personaggi sono obsolete e vanno pensionate.

Ed il filo rosso di questa nostra ricerca è il ridere: ci occupiamo di vita, e dobbiamo farlo in modo serio, non certo serioso.